Riforma della Curia: Ecclesia Dei confluisce nella CDF e la Sistina sotto l’Ufficio delle Celebrazioni liturgiche

sancta-missa

Con due Motu proprio di Papa Francesco del 17 gennaio si rimodellano le competenze in ordine ad alcuni importanti organismi della Curia romana. Con un primo provvedimento viene soppressa la Pontificia commissione “Ecclesia Dei”, istituita da Giovanni Paolo II con il Motu proprio “Ecclesia Dei afflicta” del 2 luglio 1988. Le competenze della Commissione soppressa passano alla Congregazione per la dottrina della fede, al cui interno viene prevista una nuova apposita Sezione con questo specifico compito. Con l’altro Motu proprio Papa Francesco delibera che la Cappella musicale pontificia (meglio nota come Cappella Sistina) venga inserita nell’Ufficio delle Celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice, “quale specifico luogo di servizio alle funzioni liturgiche papali e nel contempo a custodia e promozione della prestigiosa eredità artistico-musicale prodotta nei secoli dalla Cappella stessa per le solenni liturgie dei Pontefici”.

Di seguito il testo dei due provvedimenti [con link esterno al sito internet della Sala stampa della Stata Sede]:

Motu proprio sulla Commissione “Ecclesia Dei”

Motu proprio sulla Cappella musicale pontificia (Cappella Sistina)

.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>