La CEI riscrive le norme che regolano i Tribunali ecclesiastici italiani

L’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana riunita a Roma dal 16 al 19 maggio 2016 ha dato mandato al Consiglio permanente “affinché predisponga una bozza di revisione delle Norme che regolano il More »

Discorso di Papa Francesco all’inaugurazione dell’anno alla Rota Romana

Si è svolta venerdì 22 gennaio 2016 la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario del Tribunale Apostolico della Rota Romana. Presso la Sala Clementina in Vaticano, Papa Francesco ha tenuto la sua allocuzione More »

Mitis iudex: il significato della riforma. I contributi del convegno promosso dalla Consociatio

L’8 settembre 2015 è stato promulgato il Motu proprio Mitis iudex di Papa Francesco sulla riforma delle procedure giudiziali per la dichiarazione di nullità del matrimonio. L’argomento di grande attualità, destinato ad incidere More »

La riforma del processo canonico di nullità matrimoniale voluta da Papa Francesco

E’ stata varata la riforma del processo canonico di nullità matrimoniale, con due lettere in forma di Motu proprio promulgate da Papa Francesco il 15 agosto 2015 e pubblicate l’8 settembre. Si More »

Presentato a Papa Francesco il progetto di iuscanonicum.it

Il sito web iuscanonicum.it ed il relativo progetto editoriale sono stati presentati a Papa Francesco. L’occasione è stata la Messa mattutina celebrata come di consueto dal Santo Padre presso la cappella della More »

 

Papa Francesco: un tavolo di lavoro sulla riforma del processo matrimoniale

galantino

Papa Francesco ha istituito «un tavolo di lavoro – coordinato dal Segretario generale della CEI – per la definizione delle principali questioni interpretative e applicative di comune interesse», relative alla riforma del processo matrimoniale introdotta dal Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus. Ne ha dato notizia l’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della CEI, diffondendo il testo integrale della lettera inviata dal Papa a mons. Nunzio Galantino, Segretario generale CEI, con cui viene costituito il tavolo di lavoro.

La CEI riscrive le norme che regolano i Tribunali ecclesiastici italiani

CEI

L’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana riunita a Roma dal 16 al 19 maggio 2016 ha dato mandato al Consiglio permanente “affinché predisponga una bozza di revisione delle Norme che regolano il regime amministrativo e le questioni economiche dei Tribunali ecclesiastici”: lo si legge nel Comunicato finale dell’Assemblea dei Vescovi italiani. Un intero paragrafo del Comunicato, il n. 4 intitolato “Prossimità nella verità” è interamente dedicato all’attuazione del Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus, con cui Papa Francesco ha riformato il processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità matrimoniale.

Uscito il nuovo numero del Monitor Ecclesiasticus

monitor

E’ uscito il volume n. 2/2015 della ‘Nova series’ del Monitor Ecclesiasticus. In questo numero sono pubblicati tra l’altro alcuni importanti recenti pronunciamenti del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, con versione tradotta in inglese, e diverse sentenze di alcuni Tribunali ecclesiastici locali, oltre ai consueti commenti e approfondimenti di dottrina. Di seguito l’indice completo del volume.

AA.VV. La riforma dei processi matrimoniali di Papa Francesco

Riforma

L’8 dicembre 2015 sono entrate in vigore le norme contenute nel motu proprio di Papa Francesco Mitis Iudex Dominus Iesus, sulla riforma del processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità del matrimonio. “Ho deciso di dare con questo motu proprio – si legge nel documento papale – disposizioni con le quali si favorisca non la nullità dei matrimoni, ma la celerità dei processi, non meno che una giusta semplicità, affinché, a motivo della ritardata definizione del giudizio, il cuore dei fedeli che attendono il chiarimento del proprio stato non sia lungamente oppresso dalle tenebre del dubbio”. Si tratta di una riforma che, dopo quasi tre secoli di sostanziale stabilità, innova profondamente norme e procedure.

Applicazione del Mitis iudex: in Sicilia istituiti tribunali diocesani e interdiocesani

sicilia

Con una nota pubblicata sul sito web www.chiededisicilia.org (leggi qui), la Conferenza episcopale siciliana, in applicazione del nuovo can. 1673, §. 2, CIC riformato dal M.P. Mitis iudex,  ha deciso l’istituzione di sei nuovi Tribunali per le cause matrimoniali, di cui quattro diocesani (Siracusa, Agrigento, Piazza Armerina e Nicosia) e due interdiocesani (uno per Palermo, Monreale, Cefalù, Mazzara del Vallo, Trapani e Piana degli Albanesi; un altro per Catania, Arcireale e Caltagirone). Ancora non è stata presa una decisione riguardo alle competenze di giustizia per le altre diocesi siciliane.

Anche il Tribunale ecclesiastico piemontese continua ad operare dopo il M.P. Mitis iudex

TERP

Anche la Conferenza episcopale della regione ecclesiastica di Piemonte e Val d’Aosta si è pronunciata per la conferma dell’operatività del Tribunale ecclesiastico regionale piemontese in materia di cause di nullità matrimoniale. Come per gli altri Tribunali ecclesiastici regionali italiani, anche per il Tribunale piemontese la locale Conferenza episcopale, con un suo comunicato (leggi qui), ha ufficializzato la prosecuzione dell’attività di giustizia a seguito della riforma operata dal M.P. Mitis iudex di Papa Francesco, entrata in vigore lo scorso 8 dicembre.

Ancora sulla riforma del M.P. Mitis iudex in tema di Tribunali ecclesiastici regionali

SPOSALIZIO

Dopo le prime comprensibili incertezze interpretative, il tempo e la prassi applicativa cominciano in qualche modo a delineare in concreto l’effettiva operatività della riforma operata da Papa Francesco con il M.P. Mitis iudex, entrato in vigore l’8 dicembre 2015. In particolare, per quanto riguarda la circoscrizione dei Tribunali ecclesiastici italiani, sembra prevalere la lettera del can. 1673, §. 2, che, insieme alla possibilità di costituire appositi Tribunali diocesani per le cause matrimoniali, prevede anche l’ipotesi di Tribunali operanti per più diocesi, come in Italia già avviene con i Tribunali regionali.

Papa Francesco: “Importante recepire e approfondire la nuova normativa del Mitis iudex”

Papa francesco

“È importante che la nuova normativa sia recepita e approfondita, nel merito e nello spirito, specialmente dagli operatori dei Tribunali ecclesiastici, per rendere un servizio di giustizia e di carità alle famiglie”: lo ha detto Papa Francesco, riferendosi alla recente riforma apportata dal M.P. Mitis iudex alle procedure di dichiarazione di nullità matrimoniale. L’occasione è stata una speciale udienza concessa dal Pontefice in Aula Paolo VI lo scorso 12 marzo al Decano della Rota e ai partecipanti ad un corso di formazione su queste materie, promosso dallo stesso Tribunale Apostolico.

Riforma del M.P. Mitis iudex: anche il Tribunale del Triveneto continua ad operare

TERT

Anche la Conferenza episcopale del Triveneto ha preso in considerazione gli effetti della riforma sulle procedure di nullità del matrimonio e soprattutto sull’attuale articolazione territoriale dei Tribunali ecclesiastici competenti per le cause matrimoniali. Con un comunicato stampa del 16 febbraio (leggi qui), pubblicato sul sito web www.cet.chiesacattolica.it, i Vescovi della Conferenza episcopale Triveneto “hanno confermato l’intento di affidarsi all’attuale Tribunale ecclesiastico regionale quale proprio Tribunale interdiocesano”. Il Tribunale peraltro non cambierà la denominazione, continuando a chiamarsi “Tribunale ecclesiastico regionale triveneto”.

Conversaciones Canonicas Valentinas: Cuestiones en torno a la reforma de los procesos de la nulidad matrimonial

Valencia

Si è svolta a Valencia nei giorni 8, 9 e 10 febbraio presso l’Universidad Catolica “San Vicente Martir” la XIII edizione delle “Conversaciones Canonicas Valentinas”. Il tema del convegno è stato “Mitis Iudex Dominus Iesus: algunas cuestiones en torno a la reforma de los procesos de la nulidad matrimonial”. In considerazione della grande attualità delle questioni trattate e nell’interesse dei tanti operatori su questi argomenti, si propongono i link degli interventi svolti al Convegno (in spagnolo), pubblicati sul canale youtube dell’Università di Valencia.