La normativa sul nuovo processo matrimoniale è un valido strumento che deve essere applicato

Papa Francesco interviene in occasione della conclusione di un corso di formazione organizzato dalla Diocesi di Roma e dal Tribunale apostolico della Rota romana sui temi del matrimonio e della famiglia e More »

50° Congresso dell’Associazione canonistica italiana a Catanzaro

“Diritto canonico e Amoris Laetitia“: questo il tema scelto per il Congresso nazionale dell’Associazione canonistica italiana, svoltosi a Catanzaro dal 3 al 6 settembre 2018. L’appuntamento di studio ha assunto una dimensione di maggior More »

Istruzione sugli studi di diritto canonico alla luce della riforma del processo matrimoniale

“Promuovere una preparazione differenziata, soprattutto accademica, delle diverse figure chiamate ad operare nei tribunali ecclesiastici, oppure che sono coinvolte nella consulenza matrimoniale e familiare per la quale si richiede anche una preparazione More »

Papa Francesco : “L’esercizio della giustizia nella Chiesa non venga ridotto ad un espletamento burocratico”

“Cari giudici della Rota Romana, la stretta connessione tra l’ambito della coscienza e quello dei processi matrimoniali di cui quotidianamente vi occupate, chiede di evitare che l’esercizio della giustizia venga ridotto a More »

Congresso internazionale di diritto canonico a Roma: il messaggio di Papa Francesco

“Diritto canonico e culture giuridiche nel centenario del Codex iuris canonici del 1917″: è stato questo il tema del XVI Congresso internazionale di diritto canonico, organizzato dalla Consociatio internationalis studio iuris canonici More »

 

Alcune precisazioni del Papa sull’applicazione del M.P. ‘Mitis Iudex’

matrimonio

Papa Francesco ha incontrato i partecipanti ad un corso di formazione per chierici e laici, promosso dal Tribunale Apostolico della Rota Romana sul tema: “Il nuovo processo matrimoniale e la procedura super rato”. Nell’occasione dell’incontro, svoltosi in Vaticano il 25 novembre 2017, il Pontefice ha sottolineato come sia necessario “riservare grande attenzione e adeguata analisi ai due recenti Motu proprio Mitis Iudex Dominus Iesus e Mitis et misericors Iesus, al fine di applicare le nuove procedure che essi stabiliscono”.

Congresso internazionale di diritto canonico a Roma: il messaggio di Papa Francesco

consociatio

“Diritto canonico e culture giuridiche nel centenario del Codex iuris canonici del 1917″: è stato questo il tema del XVI Congresso internazionale di diritto canonico, organizzato dalla Consociatio internationalis studio iuris canonici promovendo. L’incontro, svoltosi a Roma dal 4 al 7 ottobre 2017, ha visto la partecipazione di canonisti provenienti da tutto il mondo ed ha approfondito in particolare il rapporto tra il diritto canonico e le culture dell’oggi, tenendo conto anche dei diversi contesti geografici. All’apertura dei lavori congressuali ha partecipato il Card. Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, che ha portato un messaggio del Papa alla canonistica mondiale.

XLIX Congresso dell’Associazione canonistica italiana a Pescara

pescara

A Pescara dal 4 al 7 settembre 2017 si sono ritrovati studiosi e soci dell’Associazione canonistica italiana (ASCAI) per il XLIX Congresso nazionale. Di particolare interesse il tema di studio affrontato, relativo ai soggetti nel nuovo processo matrimoniale canonico, volto specificamente ad approfondire le riforme apportate da Papa Francesco con il Motu proprio “Mitis Iudex” a partire dai protagonisti del processo. La prolusione inaugurale dei lavori è stata svolta da S.E. Mons. J. Ignacio Arrieta, Segretario del Pontificio consiglio per i testi legislativi, ed ha avuto come titolo “L’esercizio della funzione ecclesiastica nelle riforme di Papa Francesco”.

Verso il XVI Congresso internazionale della ‘Consociatio’

consociatio_roma

La Consociatio internationalis studio iuris canonici promovendo si prepara a celebrare a Roma dal 4 al 7 ottobre 2017 il XVI Congresso internazionale di diritto canonico. Il Simposio, che cade esattemente ad un secolo dalla promulgazione del Codice piano-benedettino, ha per tema “Diritto canonico e culture giuridiche nel centenario del Codex iuris canonici del 1917″. Tutte le informazioni sul programma e sulle modalità di partecipazione sul sito web dedicato all’evento.

Assemblea generale CEI: razionalizzazione patrimomi ISC e nuove norme per i Tribunali

Cardinale Bassetti

La 70a Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana ha portato alla nomina del nuovo Presidente nella persona del Card. Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve. I Vescovi hanno anche eletto il nuovo Vice Presidente della CEI per il Sud Italia nella persona di Mons. Antonino Raspanti, Vescovo di Acireale.

Nueva edición argentina del Código de derecho canónico

Codice UCA

La Facultad de derecho canónico de la Universidad Católica Argentina (UCA) y la Oficina del Libro de la Conferencia Episcopal Argentina han informado que ya está disponible la nueva edición argentina del Código de derecho canónico. Se trata de una edición bilingüe actualizada y de lujo de más de mil páginas. El material está integrado por el texto original en latín y la traducción al castellano adecuada a nuestro país. Contiene también comentarios y artículos introductorios a cada parte del Código elaborados por los profesores de la mencionada casa de estudios.

La Segnatura apostolica e il dovere di provvedere alla retta amministrazione della giustizia

tribunale

Tra i compiti che spettano al Supremo Tribunale della Segnatura apostolica vi è l’obbligo di provvedere alla retta amministrazione della giustizia in tutta la Chiesa. Quest’obbligo è sancito dalla Costituzione apostolica Regimini Ecclesiae universae, promulgata da Paolo VI, costituzione che statuì di affidare alla Segnatura apostolica la sollecitudine per tutte le cause e tutti i Tribunali. Nel porre in essere questa nuova competenza, già nel 1970 il Supremo Tribunale emanò una lettera circolare sullo stato e l’attività dei Tribunali ecclesiastici (AAS 63 [1971] 480-486), alla quale veniva allegato anche uno schema dell’annuale relazione da redigersi sullo stato e l’attività di ciascun Tribunale.

Claudio Papale. I delitti contro il sacramento dell’Eucaristia

delitti

Il volume – frutto del IV corso intensivo sui delitti riservati alla Congregazione per la Dottrina della Fede organizzato dalla Facoltà di diritto canonico della Pontificia Università Urbaniana – approfondisce, sotto il profilo storico, teologico e canonistico il tema dei delitti contro il sacramento dell’Eucaristia. I contributi, affidati a studiosi di riconosciuta competenza nel tema, ricostruiscono il background storico-teologico dell’attuale disciplina ed approfondiscono singole fattispecie delittuose disciplinate nell’art. 3 del M.P. Sacramentorum sanctitatis tutela.

La tutela giuridica dell’immagine del Papa

Fraoncobollo

Con un comunicato della Segreteria di Stato pubblicato sul Bollettino della Sala Stampa vaticana del 22 febbraio 2017, la stessa Segreteria di Stato annuncia che “effettuerà sistematiche attività di sorveglianza volte a monitorare le modalità con cui l’immagine del Santo Padre e gli stemmi della Santa Sede vengono utilizzati, intervenendo all’occorrenza con opportuni provvedimenti”. “La Segreteria di Stato  – si legge ancora nel comunicato – tra i suoi compiti, ha anche quello di tutelare l’immagine del Santo Padre, affinché il Suo messaggio possa giungere ai fedeli integro e la Sua persona non venga strumentalizzata”. Esistono infatti “appositi strumenti normativi” per la tutela dell’immagine del Pontefice e dei simboli e degli stemmi ufficiali della Santa Sede.

La riforma della Curia romana voluta da Papa Francesco

curia

Prosegue il processo di riforma della Curia romana voluto da Papa Francesco, coadiuvato in questo compito da un apposito Consiglio di otto cardinali, a cui si è poi aggiunto il Segretario di Stato, componendo quello che viene ormai comunemente indicato come C9. La nuova Curia romana sta ormai prendendo sempre più forma. E’ stato lo stesso Bergoglio, nel discorso del 22 dicembre 2016, ad indicare le principali tappe fin qui percorse.

“Essendo la Curia non un apparato immobile – ha affermato il Pontefice – la riforma è anzitutto segno della vivacità della Chiesa in cammino, in pellegrinaggio, e della Chiesa vivente e per questo – perché vivente – semper reformanda, reformanda perché è viva. (…).