Rescritto del Papa sull’applicazione delle nuove norme sul processo matrimoniale

Papa e Pinto

L’8 dicembre è entrata il vigore la riforma del processo per la dichiarazione di nullità matrimoniale, voluta da Papa Francesco con le Lettere apostoliche in forma di Motu proprio Mitis Iudex Dominus Iesus e Mitis et Misericors Iesus del 15 agosto 2015. Il 7 dicembre, giorno precedente l’entrata in vigore della riforma, il Pontefice ha voluto firmare un apposito Rescritto ex audientia sul compimento e l’osservanza della nuova legge del processo matrimoniale. Il documento è stato pubblicato sul bollettino della Sala Stampa dell’11 dicembre [B0981].

Qui il testo del Rescritto (dal sito web della Santa Sede)

Il Rescritto papale si può riassumere nei seguenti punti:

- i testi normativi della riforma contenuti nei Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus e Mitis et Misericors Iesus abrogano o derogano ogni legge o norma contraria finora vigente, generale, particolare o speciale, anche se approvata in forma specifica, come nel caso del Motu Proprio Qua cura, dato da Pio XI nel 1938, proprio nella stessa data dell’8 dicembre

- nelle cause di nullità di matrimonio giudicate dal Tribunale della Rota Romana non deve essere più specificamente indicato il vizio (capo di nullità) per il quale il matrimonio viene impugnato, in quanto il dubbio viene fissato in termini assolutamente generici (“An constet de matrimonii nullitate, in casu“)

- non è previsto appello contro le decisioni rotali in materia di nullità di sentenze o di decreti

- non è ammessa la nova causae propositio al Tribunale della Rota se una delle parti, dopo la sentenza di nullità, ha contratto un nuovo matrimonio canonico, salvo che “consti manifestamente dell’ingiustizia della decisione”.

- le Norme Rotali processuali possono essere dispensate dal Decano “per grave causa”

- le cause davanti alla Rota sono giudicate “secondo la gratuità evangelica, cioè con patrocinio ex officio”.

.

Qui il commento al rescritto del Decano della Rota Romana, mons. Pio Vito Pinto

 .

.

.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>